Fender Stratocaster dai €200,00 agli €800,00, scegliamo la migliore.

Francesco Sicheri

Francesco Sicheri

Mi chiamo Francesco e tutti i giorni ascolto, leggo e scrivo. Da più di tredici anni mi occupo di giornalismo musicale, sul web e sulla carta. Oggi scrivo per GasTube, e sono editor per Guitar Club e Drum Club. Da poco ho lanciato il mio podcast, "Frank Talks", nel quale parlo di musica, di libri, e di passioni, e lo faccio con tanti ospiti interessanti.

Diventa mio allievo

  • Nessuna scadenza;
  • Contatto diretto per risolvere ogni dubbio;
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita.

Il catalogo Fender è sicuramente uno dei più vasti e stratificati. Scegliere una Fender Stratocaster in maniera appropriata e mirata al soddisfarci, non è poi così semplice come potrebbe sembrare. Insieme a Strumentimusicali.net, oggi proviamo ad esplorare le caratteristiche tecniche di quattro modelli, divisi per quattro diverse fasce di prezzo.

Questo confronto nasce proprio da un suggerimento di uno di voi, pertanto vi ricordiamo che potete inviare a Gastube gli strumenti a cui siete più interessati grazie ad un carrello strumentimusicali.net. Create il vostro carrello e successivamente inviatelo a [email protected].


€200,00: Fender Stratocaster Squier Affinity MN Black

L’alternativa economica a casa Fender

In qualsiasi modo si provi a guardare la questione, la risposta finale è sempre una: Squier è da anni una delle scelte più “ovvie” per moltissimi chitarristi agli inizi. Con forme che sono fondamentalmente identiche a quelle delle Fender più blasonate, Squier ha conquistato una fascia di mercato sempre più ingente.

La serie Affinity, subito dopo la Bullet, è una delle linee più economiche di casa Squier, e pertanto rappresenta un perfetto punto di inizio per le nostre valutazioni. Corpo in pioppo, manico in acero con profilo a C, tastiera 21 tasti in acero, tre pickup single coil… Insomma il “pacchetto base” di una Stratocaster che si rispetti.
Le finiture, in generale, sono più che accettabili per i €209,00 richiesti, e la costruzione nel complesso è in linea con la fascia di prezzo alla quale ci riferiamo.

I tre single-coil (è disponibile anche una configurazione H-S-S) di questa Bullet suonano esattamente come ci aspetteremmo. Sono tre varianti economiche di pickup single coil pensati per una Fender Stratocaster. I problemi maggiori li riscontriamo sulle alte frequenze (in particolare sul pickup al ponte), che risultano sempre un po’ troppo acide e pronunciate. Le basse frequenze non sono molto “compatte”, ma per molte persone questo aspetto può rivelarsi addirittura un pregio nel momento in cui si parli di Stratocaster. Il twang è buono, anch’esso forse un po’ troppo acido, ma comunque in grado di regalarci il “feel” di un chitarra Stratoide.

Perché acquistare una Squier Affinity Stratocaster?

Perché rispetto all’assoluta entry-level della linea Squier Bullet, costa poco di più e garantisce una qualità generale migliore. Non aspettatevi miracoli, ma tanta onestà. Si tratta di uno strumento che suona e si presenta per €200,00. Una buona chitarra per iniziare, un buon muletto, o sicuramente un’ottima base per un progetto custom.


€400,00 Fender Stratocaster Squier FSR Classic Vibe 60s

La regina indiscussa del catalogo Squier

Se stiamo parlando di Squier, e di Stratocaster, la serie Classic Vibe è un argomento obbligatorio. Da anni gli strumenti della linea Classic Vibe sono tra i più venduti del brand, ed a buona ragione. Un ottimo rapporto qualità-prezzo è ciò che ha fatto la fortuna della serie, e quando si imbraccia uno strumento come la Stratocaster Classic Vibe 60 che abbiamo provato, si comprende subito il perché.

Corpo in Nato (un moganoide), manico in acero con tastiera in Laurel indiano a 21 tasti (radius 9,5), tre pickup single coil Alnico Fender Designed, ed un comparto finiture/hardware pensato per rifarsi agli anni ’60 di Fender. Il look, la costruzione ed il feeling sotto le dita sono immediatamente molto più curati rispetto alla serie Affinity. A dire il vero compiere il salto dalla Affinity alla Classic Vibe fa quasi pensare di essere passati direttamente ad uno strumento “vero”.

La sensazione di “verità”, se così vogliamo dire, si ritrova anche nel suono. Questa Stratocaster porta fiera il proprio nome, senza paura di deludere nel momento in cui le si chieda di fornirci tutti quei suoni per i quali una Stratocaster viene solitamente acquistata. Con tutte le posizioni del selettore abbiamo un suono molto più “fermo”, con un range di frequenze che si dimostra subito molto più articolato di quello della Affinity, e questo si traduce in un’articolazione generale più soddisfacente.

Perché acquistare una Squier Classic Vibe Stratocaster?

Perché del nome sulla paletta non vi interessa molto. Quello che conta per voi è soltanto il suono, e qui – per €400,00 – ne portate a casa tanto. Una Stratocaster che non vi deluderà, su un palco, oppure in una modesta session in studio. Se la serie Classic Vibe è riuscita a dare battaglia alle Fender messicane di primo prezzo è proprio perché sa regalare tanto, senza chiedere troppo in quanto a prezzo d’acquisto.


€600,00 Fender Stratocaster Player Series

Finalmente il nome Fender sulla paletta

Arriviamo ai €600,00, e pertanto vediamo finalmente comparire l’agognato nome Fender sulla paletta della nostra Stratocaster. Per molti l’avere il cognome del buon Leo sul proprio strumento è qualcosa di imprescindibile, ma per arrivare a questo livello, in casa Fender servono almeno €650,00, e bisogna accontentarsi di una produzione Made in Mexico. Se tutto questo per voi è ok, allora siete sulla strada giusta.

Corpo in Ontano, manico in acero (profilo modern C) con tastiera 22 tasti in acero (radius 9.5″), anche qui troviamo tre single coil, che però sono il vero elemento decisionale della Player Series. Le finiture di questo strumento si collocano direttamente in quella fascia che potremmo considerare “professionale”, ed il feeling esperienziale è proprio quello di uno strumento “di peso”.

Come abbiamo sottolineato i tre pickup single coil di questa Fender Stratocaster della Player Series, sono il punto su cui riporre maggiore attenzione. Non si tratta di pickup dal voicing vintage, e questo può rivelarsi sia un bene, sia un male. In base a ciò che volete dalla vostra Stratocaster potreste apprezzare molto la definizione e cristallinità (soprattutto sulle medio-alte) di questa chitarra, oppure potreste semplicemente non sopportarla. La verità è che questa Stratocaster Player Series è un mix di elementi che pescano sia dal passato di Fender, sia dal presente. Un ibrido interessante, che però potrebbe non soddisfare tutti.

Perché acquistare una Fender Stratocaster Player Series ?

Perché vi piace l’idea di avere una Stratocaster prodotta oggi per oggi. Con questo vogliamo dire che se la vostra idea di Stratocaster è quella cristallizzata negli anni ’50 e ’60, allora la Player Series potrebbe lasciarvi a bocca asciutta. In questo strumento trovate un’ottima versione di tutti i suoni Stratocaster più “famosi”, ma il taglio generale dei pickup è rivolto ad un suono un po’ più secco e definito. Ricordiamoci però che i pickup si possono sempre sostituire con molta facilità.


€800,00 Fender Stratocaster Vintera 60s MIM?

Custom Shop in versione economica?

Il sottotitolo è abbastanza provocatorio, forse non serve specificarlo… Ma come tutte le provocazioni, nasconde però una buona parte di verità. Fin dalla sua recente presentazione la serie Vintera è ri-partita da dove la primissima versione delle Road Worn aveva lasciato: una trasposizione in chiave messicana dell’età d’oro di Fender. Finiture, specifiche tecniche e look richiamano gli anni ’50 e ’60 del brand.

Corpo in Ontano, manico in acero (profilo Modern C) con tastiera 21 tasti in Pau Ferro, la ricetta “originaria” è rispettata il più possibile, e lo si percepisce anche nel momento in cui si vadano ad ascoltare i primi suoni. L’idea di produrre in versione abbordabile strumenti che solitamente sono riservati alle fasce più alte del catalogo Fender, è quello che ha mosso il successo della serie Vintera fino ad ora… E tutto passa soprattutto dai pickup.

In generale l’esperienza sonora che si ottiene da questo tipo di strumenti è esattamente quella che molti ritengono “autentica”. Si tratta di un concetto molto personale e difficile da uniformare, ma con una Vintera sotto le mani difficilmente sembrerà di aver speso male i propri soldi, o di essere scesi a troppi compromessi rispetto alle serie americane. Come spesso accade con le varianti messicane, anche la serie Vintera soffre un po’ di quella famosa incostanza produttiva, pertanto provare più di un esemplare prima dell’acquisto è sempre consigliabile.

Perché acquistare una Fender Stratocaster Vintera?

Perché volete il “top di gamma” delle produzioni messicane. Volete una Stratocaster che assomigli al 90% a quelle che avete visto imbracciare ai vostri idoli e che hanno fatto la storia della musica. Siete disposti a qualche compromesso, e soprattutto siete disposti – magari in futuro – ad un cambio pickup: quest’ultima mossa potrebbe elevare la vostra Vintera a strumento per la vita.



Altri articoli