Cuffie per chitarra uniche e rivoluzionarie: Boss Waza Air

Francesco Sicheri

Francesco Sicheri

Mi chiamo Francesco e tutti i giorni ascolto, leggo e scrivo. Da più di tredici anni mi occupo di giornalismo musicale, sul web e sulla carta. Oggi scrivo per GasTube, e sono editor per Guitar Club e Drum Club. Da poco ho lanciato il mio podcast, "Frank Talks", nel quale parlo di musica, di libri, e di passioni, e lo faccio con tanti ospiti interessanti.

Diventa mio allievo

  • Nessuna scadenza;
  • Contatto diretto per risolvere ogni dubbio;
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita.

Fin dal momento della loro presentazione le nuove cuffie per chitarra Boss Waza Air hanno fatto parlare un po’ tutti. Innovative, rivoluzionarie, per descriverle sono stati spesi moltissimi aggettivi, ma ben pochi riescono a a riassumere quella che, in fin dei conti, è l’esperienza d’uso.

Oggi siamo qui, in collaborazione con Strumentimusicali.net, per provare a raccontarvi le Waza Air di BOSS, ovvero uno dei prodotti che più avete richiesto nel corso di quest’anno.

Vi ricordiamo che potete inviare a Gastube gli strumenti a cui siete più interessati grazie ad un carrello Strumentimusicali.net. Create il vostro carrello e successivamente inviatelo a [email protected].

Design e costruzione

Delle cuffie pensate appositamente per la chitarra

Innovare il design di un paio di cuffie non è una missione facile (e proprio in questi giorni un grande colosso tech ha provato a presentare la sua versione), ma Boss ha tutte le carte in regola per poter riuscire nell’impresa.

Cuffie per chitarra Boss Waza Air appoggiate su divano giallo

Ad un primo impatto le Waza Air non vi sembreranno niente di nuovo. Si potrebbe quasi dire che se le “incontraste” in metropolitana o sul treno potreste rischiare di non notarle. Nell’esperienza d’uso di questo paio di cuffie la loro capacità di passare all’essere un semplice paio di cuffie bluetooth è fondamentale.

I materiali usati per la costruzione sono quelli che ci si aspetterebbero da un prodotto di fascia alta. I driver delle Waza Air sono dei generosi 50mm e l’archetto offre grande comodità e flessibilità. Le Waza Air si possono inoltre piegare per essere facilmente trasportate nella tasca di uno zaino o di una custodia per chitarra. La qualità percepita ed il comfort generale sono importanti, ma non c’è da stupirsi: stiamo parlando di un prodotto venduto attorno ai €400,00 a seconda del negozio.


Gestione

Potremmo dividere il funzionamento delle Waza Air in due versanti, quello prettamente “musicale” e quello chitarristico. Il primo è riferito ad un uso delle Waza in semplice modalità bluetooth. Questo ci consente di sfruttare le cuffie di casa BOSS così come faremmo con qualsiasi altro tipo di cuffie bluetooth. Niente più niente meno.

Una volta inserito il jack del modulo wireless WL-T (incluso) nell’apposito input, le nostre Waza Air sono accoppiate e pronte per suonare in modalità “chitarristica”. Colleghiamo quindi il modulo wireless al nostro strumento, e diamoci dentro.

Cuffie per chitarra Boss Waza Air con Gibson Les Paul Special sullo sfondo

Il mondo Waza Air fa leva su un quantitativo di features davvero smisurato, ma in generale tutto ruota attorno all’app BOSS Tone Studio ed alla gestione del comportamento del sensore giroscopio. Grazie all’applicazione abbiamo accesso a tutte le opzioni di tweaking del suono che le Waza Air ci mettono a disposizione. 5 diversi tipologie di amplificatori derivanti dalla serie Katana, e più di 50 effetti personalizzabili tra modulazioni, effetti d’ambiente, ecc.

Le cuffie sono dotate di sei memorie interne tramite le quali richiamare con dei pulsanti fisici sei rispettivi preset. In questo modo non dipendiamo esclusivamente dall’uso combinato con un dispositivo iOS o Android. Tramite pulsanti fisici sui padiglioni possiamo anche regolare il volume della riproduzione sonora in cuffia.

Sound

Cuffie per chitarra dal suono tridimensionale

Il sensore giroscopico integrato nelle Waza Air è il motivo del tanto clamore generato dal nuovo concept di casa BOSS. Tutto “ruota” (letteralmente) attorno a come decidiamo di sfruttare il giroscopio, e naturalmente anche il sound percepito nell’uso delle Waza è determinato in maniera fondamentale da questo tipo di scelta.

L’uso del giroscopio è stato pensato da BOSS per ricreare la relazione ambientale tra la nostra posizione e lo speaker che – in via teorica – dovrebbe restituire i suoni del nostro strumento. In virtù di ciò il brand ha incluso nelle Waza Air 3 modalità “ambientali”, 4 se andiamo a contare la modalità in cui le cuffie reagiscono come farebbe qualsiasi altro paio di cuffie.

Cuffie per chitarra Boss Waza Air con Gibson Les Paul Special sullo sfondo
Surround Mode

La prima delle tre modalità è chiamata “Surround”, ed è quella che va a ricreare il posizionamento dell’amplificatore integrato nelle Waza Air in uno spazio virtuale. Questa modalità ci consente di godere della stessa “spazialtà” ambientale che solitamente percepiamo quando suoniamo in un qualsiasi ambiente, rendendo l’esperienza sonora estremamente naturale.

Static Mode

La modalità “Statica” è invece pensata per far “reagire” il suono nelle cuffie così da ricreare la relazione di spostamento tra la il punto di emissione sonora e la posizione della nostra chitarra. Ciò vuol dire che le Waza Air andranno a simulare la percezione del nostro movimento in relazione ad un punto fisso rappresentato dal nostro amplificatore virtuale.

Stage Mode

Probabilmente la modalità più interessante delle Waza Air è la “Stage”, questo perché si tratta di quella pensata per ricreare la relazione di “posizionamento sonoro” della nostra chitarra all’interno di una band on-stage. Grazie al bluetooth incorporato nelle Waza Air potremo infatti suonare su delle tracce inviate dal nostro smartphone o tablet, e simulare il posizionamento della “band” e del nostro amplificatore proiettato da un punto alle nostre spalle, così come succederebbe su un palcoscenico.

Conclusioni

Non si tratta di un giocattolo, o di una bella trovata commerciale, questo è giusto chiarirlo fin da subito. Le Waza Air sono un concentrato di tecnologia al servizio del chitarrista che ha necessità di poter suonare in maniera “silent” con il maggior grado di naturalezza.

Sostituiscono un amplificatore? No, questo no, ma ci mettono a disposizione una nuova tipologia di relazione con le nostre sessioni di prove, esercizio e scrittura musicale, ed è questo il motivo per cui sono un prodotto unico ed innovativo.

Il comparto tecnico delle Waza Air è già molto avanzato, ma ciò che lascia ancora più stupiti durante l’uso è il pensare cosa potrà accadere da qui a 3/4 anni con il continuo affinamento di una formula che già ora sembra assolutamente vincente. Il prezzo non è basso, ma metterlo in relazione alla scheda tecnica del prodotto aiuta a riportare ordine tra le nostre considerazioni. Non stiamo acquistando soltanto un bel paio di cuffie per chitarra, bensì molto, molto di più.