Una chitarra così non l’avete mai vista. Lamina SG Revo.

Francesco Sicheri

Francesco Sicheri

Mi chiamo Francesco e tutti i giorni ascolto, leggo e scrivo. Da più di tredici anni mi occupo di giornalismo musicale, sul web e sulla carta. Oggi scrivo per GasTube, e sono editor per Guitar Club e Drum Club. Da poco ho lanciato il mio podcast, "Frank Talks", nel quale parlo di musica, di libri, e di passioni, e lo faccio con tanti ospiti interessanti.

Diventa mio allievo

  • Nessuna scadenza;
  • Contatto diretto per risolvere ogni dubbio;
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita.

Se seguite queste pagine ed il video del canale vi ricorderete sicuramente di Lamina, brand completamente italiano che ha dato vita ad un suo personalissimo modo di concepire, progettare ed infine realizzare chitarre elettriche. Dopo aver provato ed ascoltato LG Pro e la HB DaVinci oggi andiamo a scoprire insieme i suoni della Lamina SG Revo, strumento che promette di esplorare una nuova via per sfruttare il sistema di lamine e risuonatore studiato dal brand.

Per saperne di più su tutte le novità di casa Lamina Instruments, oppure sugli strumenti in catalogo al momento, vi lasciamo di seguito il link al sito ufficiale del marchio.

Il “sistema Lamina”

Cosa succede all’interno delle chitarre Lamina?

Facciamo un passo indietro e andiamo a riprendere quanto detto tempo fa riguardo agli altri modelli Lamina passati sul canale. Se non avete mai avuto modo di toccare con mano gli strumenti Lamina, potreste essere ancora dubbiosi sul funzionamento della tecnologia che fa da motore per l’intero progetto del marchio. Proviamo quindi a fare un minimo di chiarezza.

Si chiama Lamina Aluminium Resonator System, ed è basato sull’utilizzo di un risonatore e sulla capacità di sfruttare la vibrazione delle lamine realizzate in alluminio che compongono per conferire al suono ben precise peculiarità sonore. Il risonatore è anch’esso realizzato in sottilissime lamine di alluminio, ed è collegato direttamente al ponte dello strumento, ed in base al modello della chitarra (tanto il risuonatore quanto le lamine) è più o meno visibile.

Attacco, sustain e resa sulle alte frequenze sono gli elementi del suono che in maniera più evidente riescono a farvi percepire il funzionamento dell’Aluminium Resonator System di Lamina, in generale però si tratta di strumenti molto particolari ed in grado di offrire un’esperienza sonora che ben si distingue da quanto solitamente siamo soliti aspettarci dalle nostre chitarre.

Costruzione

Mai quanto nel caso di Lamina la costruzione ed i materiali utilizzati sono interessanti e parte della resa sonora finale, proviamo quindi a fare un riassunto delle caratteristiche principali.

Per quanto riguarda la Revo siamo di fronte ad una chitarra che sembra quasi combinare quanto già visto con la LG Pro e con la HB DaVinci. Osservando lo strumento sul retro troviamo esposte tre lamine perimetrali dallo spessore di 2mm che seguono la sagomatura del fianco destro del body, mentre uno scasso nel corpo – lasciato visibile grazie ad un’apertura trasparente – ci permette di dare una sbirciata sul resonatore interno.

Per completare il quadro costruttivo della SG Revo, Lamina ha scelto di utilizzare il tiglio per la costruzione del body, legno che in questo caso ricopre una superficie molto più ampia di quanto visto con il modello LG Pro. Il manico dello strumento è invece realizzato in acero con tastiera in Makassar Ebano, e quest’ultima presenta 22 tasti, un radius 14″ ed infine una scala da 25″. Le meccaniche ed il ponte della Revo sono firmate Schaller, mentre i pickup (in configurazione H-S-S per lo strumento in prova) sono brandizzati Lamina.

Nessuno strumento Lamina è completo però se non viene applicata un po’ di personalizzazione, questo perché ogni chitarra del marchio – pur partendo da una base comune a tutte le unità di uno specifico modello – è passibile di modifiche derivanti dalle richieste e dalle necessità di ogni cliente.

Playing e suono

Come già detto in precedenza, avvicinarsi ad una Lamina vuol dire anche avvicinarsi ad un’inedita esperienza sonora, ed imbracciando la Revo si può apprezzare nuovamente quel feeling “innovativo” mostrato dalla LG Pro e dalla HB DaVinci. Non si tratta di adattare un approccio diverso allo strumento, quanto invece il lasciarsi guidare da percezioni tattili e sonore che con una chitarra elettrica dalla costruzione “canonica” non si riescono a sperimentare. Anzitutto va precisato che la SG Revo è forse la più bilanciata e comoda delle chitarre Lamina che abbiamo visto fino ad ora. Il manico ha un profilo C che riempie bene il palmo della mano, ed il radius 14″ permette alla tastiera di offrire grande velocità e comfort.

Spostandosi invece sul versante sonoro, la SG Revo, così come gli altri strumenti del brand, si caratterizza per un attacco molto particolare. Utilizzando i single coil è ovviamente percepibile in maniera più netta, ma la sensazione non va svanendo quando anche si utilizzi il pickup humbucker, la Revo possiede quell’attacco deciso, netto ed a fuoco per cui il marchio Lamina si è fatto conoscere fino ad ora. Si tratta di una caratteristica abbastanza unica, derivante proprio dalle scelte costruttive che sottendono il progetto, e pertanto si tratta anche di una peculiarità sonora difficilmente paragonabile ad altre chitarre in circolazione.

Il secondo principale elemento sonoro che distingue tanto la SG Revo quanto gli altri strumenti del brand è il sustain. Si tratta di un altro effetto dell’azione dell’Aluminium Resonator System, ed è – di nuovo – qualcosa che si può apprezzare del tutto soltanto mettendo le mani sullo strumento e provando in prima persona. La risultante è un sustain prominente, che permette di prodursi in linee melodiche fluide e filanti, ma tutto ruota attorno ad un vero e proprio comportamento delle note derivante dall’azione del risonatore e delle lamine ad esso connesse.

Terza ed ultima fra le caratteristiche principali, è la resa delle alte ed altissime frequenze, che grazie alla combinazione dei pickup lamina e del Resonator System sono sempre brillanti e si distinguono sempre per una piacevole enfasi che permette allo strumento di garantire definizione e chiarezza al suono anche quando si suonino accordi complessi o si utilizzino elevati quantitativi di gain.

Conclusioni

Sposare il progetto Lamina significa anche sposare un’idea di chitarra elettrica diversa da quella con la quale abbiamo sempre avuto a che fare. Non è tanto sull’estetica o sui materiali che bisogna soffermarsi troppo, quanto invece è giusto dare spazio al risultato derivante dalla cooperazione dei tanti elementi che vanno a costituire gli strumenti Lamina.

La SG Revo è una chitarra versatile, che offre un suono particolare e che in generale offre un’esperienza unica per quanto riguarda suonabilità e comfort. Come tutti gli strumenti Lamina anche la Revo è una di quelle chitarre che ha bisogno di essere provata a fondo e testata a dovere per poter essere “accolta” nel proprio parco chitarre, ma è anche una di quelle chitarre in grado di convincere a fondo quando le si lasci esprimere tutte le sue potenzialità.