Update in casa Fender con Stratocaster e Telecaster della serie Ultra

Francesco Sicheri

Francesco Sicheri

Mi chiamo Francesco e tutti i giorni ascolto, leggo e scrivo. Da più di tredici anni mi occupo di giornalismo musicale, sul web e sulla carta. Oggi scrivo per GasTube, e sono editor per Guitar Club e Drum Club. Da poco ho lanciato il mio podcast, "Frank Talks", nel quale parlo di musica, di libri, e di passioni, e lo faccio con tanti ospiti interessanti.

Diventa mio allievo

  • Nessuna scadenza;
  • Contatto diretto per risolvere ogni dubbio;
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita.

Sono state fra le chitarre più vociferate del catalogo 2020 di Fender, e non poteva passare troppo tempo prima che anche voi le sceglieste dallo store di Strumentimusicali.net per poterle ascoltare su GasTube.

Eccoci quindi pronti per un nuovo unboxing del quale sono protagoniste due chitarre dalle vesti note ma dal cuore nuovo. La serie Ultra di fender offre una nuova prospettiva su alcuni degli strumenti più diffusi fra i chitarristi di tutto il mondo.

Prima di passare a qualche dato Vi ricordiamo che se volete proporre degli strumenti da testare sul canale non dovete far altro che cercarli su www.strumentimusicali.net, aggiungerli al vostro carrello, salvarlo con l’apposito pulsante ed inviarlo successivamente alla mail carrellogastube@gmail.com.

Fender Stratocaster Ultra

Una Stratocaster è sempre una Stratocaster. Per quanto si voglia modificarla, aggiornarla e rivisitarla, la base di tutto è quella di una ricetta fra le più vecchie di quelle che animano il mondo chitarristico.
Quello che la serie Ultra di Fender vuole fare è apportare alcuni aggiornamenti a quella che è un’icona del suo catalogo così da poterla mantenere sempre al passo con i tempi.

Corpo in ontano, manico in acero con profilo Modern “D” e tastiera in acero da 22 tasti Medium Jumbo, niente di estremamente diverso da ciò che ci aspetteremmo da una Stratocaster “canonica”, ed il punto della serie Ultra è proprio questo: offrire la più semplice esperienza Stratocaster, con una svolta che va a delinearsi grazie a specifici particolari.

Il più importante di questi particolari è sicuramente rappresentato dai pickup, tre single coil di tipo noiseless (ma è disponibile anche una versione HSS) disegnati appositamente da Fender per questo restyling. La Stratocaster Ultra sfoggia un attacco sempre presente e preciso (quello che ci si aspetta da uno strumento di questo tipo) ed allo stesso tempo mette subito in mostra i tratti di uno strumento che sa bene come affrontare tipologie di suono più dichiaratamente moderne, precise e cristalline.

Per ampliare la palette sonora offerta dallo switch a tre posizioni della Stratocaster, i nuovi modelli Ultra introducono lo switch S-1 (attivabile tramite un pulsante situato sulla manopola del volume). L’S-1 permette di poter attivare le posizioni Bridge+Manico e quella che richiama tutti e tre i pickup contemporaneamente (feature in realtà già vista in passato in altri modelli di casa Fender come la Stratocaster Deluxe Players).

Sia per suoni clean scintillanti, sia che si tratti di suoni spinti ed ai quali venga richiesto di sostenere quantità di gain generose, la Stratocaster Ultra si comporta come quello strumento in grado di mantenere tutto sempre sotto controllo, basando il proprio sound su una grande precisione nell’attacco e nei dettagli che caratterizzano le frequenze medio alte. Dal rock all’hard rock il passo è breve, e le performance sono sempre elevate, se invece volete cimentarvi frequentemente in ambito blues forse vorrete anche guardare ad altri modelli del catalogo del brand.


Fender Telecaster Ultra

Il discorso fatto per la Strato non cambia di molto nel momento in cui si passi alla Telecaster della serie Ultra, ovvero uno strumento che della sua versione più dichiaratamente “old-school” riprende i tratti principali, per apportare alcune modifiche in grado di renderla perfetta per affrontare la maggior parte di ciò che si trova “oltre” lo steccato della modernità.

Anche con la Telecaster Ultra ritroviamo corpo in ontano, manico in acero con profilo Modern “D” e tastiera in acero da 22 tasti Medium Jumbo, e così come già visto con la cugina Stratocaster ritroviamo anche dei pickup Noiseless (due in questo caso) pilotati da un selettore a tre vie ampliato dallo switch S-1.

Così come la Stratocaster, la Telecaster della serie Ultra è uno strumento leggero, veloce, dal manico comodo e dalle sonorità brillanti e decise. I Noiseless che danno voce a questo strumento gli permettono di spingersi in territori anche molto spinti, probabilmente più spinti di quanto ci si aspetterebbe da una Telecaster, ma riuscendo ad essere performante anche in suoni che richiedono una resa dinamica adeguata.

La peculiarità principale della Telecaster Ultra, quella che la distingue in maniera indiscutibile, è però la possibilità di ottenere sonorità tipiche di un pickup humbucker attivando lo switch S-1 quando il selettore dei pickup sia nella posizione centrale. Proprio grazie a questa caratteristica è possibile aprire le porte a suoni molto interessanti, che ben si sposano con la fusion e con il jazz, ma che ovviamente non disdegnano di certo l’andare a guardare qualcosa di più energico.

Conclusioni

Le chitarre della serie Ultra – anche andando contro alcune diciture riportate fra le varie specifiche – sono strumenti che si rivolgono a qualcosa di moderno, aggettivo che di per sé (quando si tratta di suoni) può voler dire tutto ma soprattutto niente.

Ciò che questo aggettivo punta a sottolineare però è l’approccio di queste chitarre, che pur portando avanti una tradizione ormai consolidata vogliono comunque dare l’opportunità di avvantaggiarsi di sonorità meno consone alla tradizione, e forse capaci di ispirare qualcosa di nuovo sul piano creativo.

Per maggiori informazioni potete consultare le schede tecniche sul sito www.strumentimusicali.net