Intervista a Steve Lukather. Demoni, fantasmi e sconfitte.

Francesco Sicheri

Francesco Sicheri

Mi chiamo Francesco e tutti i giorni ascolto, leggo e scrivo. Da più di tredici anni mi occupo di giornalismo musicale, sul web e sulla carta. Oggi scrivo per GasTube, e sono editor per Guitar Club e Drum Club. Da poco ho lanciato il mio podcast, "Frank Talks", nel quale parlo di musica, di libri, e di passioni, e lo faccio con tanti ospiti interessanti.

Diventa mio allievo

  • 8 ore di corso
  • 39 assoli
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita

La sesta puntata di Frank Talks inizia spegnendo la musica. La scomparsa di Kobe Bryant è qualcosa che mi insegue dal momento in cui è stata resa pubblica. Chiunque ami il basket ed abbia la mia età, nato alla fine degli anni ‘80 e cresciuto negli anni ‘90, non può ignorare ciò che è successo, ecco perché ho sentito necessario parlarne brevemente nell’introduzione di questo nuovo episodio del podcast.

Guardare a ciò che Kobe ha lasciato come eredità, ho anche iniziato a ragionare su quello che fino ad adesso ho avuto modo di fare e di creare nel mio piccolo, valutando i buoni risultati e le tante sconfitte… e proprio per questo mi sono ritrovato a ripensare ai vari fantasmi che troppo spesso mi hanno fermato dal guardare avanti e dal progredire.

Fare i conti con i propri errori non è facile e per chi come me vive in uno stato di stress ed ansia leggermente superiore alla media comune, è ancora più facile far sfociare tutto in qualcosa di peggiore. In quei momenti tutti i miei demoni personali emergono e sfociano in proiezioni della mia personalità riguardo alle quali non è sempre facile essere onesti.

Ripensando a tutto questo è stato ovvio costruire questa puntata attorno alla voce e al carisma di Steve Lukather, che è sicuramente una di quelle persone che di demoni ne ha visti molti, ma è anche una persona che è riuscita a scendere a patti con i propri errori e con le proprie sconfitte, tramutando il tutto in un buon modo per costruire su sé stesso e proiettarsi in una nuova fase.

Per coronare una puntata così piena di contenuti, iniziamo il tutto con Steve che mi scambia per un venditore telefonico o per un call center. Potrebbe mai andare meglio?

Francesco