GIBSON SCALDA I MOTORI PER IL WINTER NAMM

Alessandro Lavaggi

Alessandro Lavaggi

Diventa mio allievo

  • Nessuna scadenza;
  • Contatto diretto per risolvere ogni dubbio;
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita.

Dopo il cambio di proprietà Gibson continua a far parlare di sé e si prepara ad un 2020 che segnerà un punto di svolta per l’azienda. Il winter NAMM ha già il suo protagonista.

Oltre alla preannunciata intenzione di tornare alla tradizione e all’essenzialità, la nuova amministrazione ha deciso di migliorare la divisione Custom Shop, che sarà arricchita da un settore specializzato nel replicare fedelmente nei minimi dettagli le finiture di chitarre storiche del marchio e sarà guidato da Tom Murphy.

Il nuovo “Murphy Lab” avrà la possibilità di consultare progetti, documenti e strumenti originali dell’epoca per poter ricreare su chitarre nuove di fabbrica il fascino di uno strumento vissuto e suonato per decenni.  Murphy non è di certo nuovo a questo ambiente, famosi e molto apprezzati sono i suoi lavori di “aging” per la linea Les Paul Collector’s Choice.

L’intera divisione Custom Shop sarà invece guidata da Sergio Villanueva, una vera istituzione del settore (ex responsabile della fabbrica messicana di Taylor ed ex vice-presidente della produzione per Fender).

Il CEO dell’azienda, JC Curleigh, si dice entusiasta per i cambiamenti e lancia in questo modo il Custom Shop dritto verso un roseo futuro.