24 MINUTI AL GIORNO per avere il TOTALE CONTROLLO delle bacchette | Stick Control #001

Luca_GasTube

Luca_GasTube

Diventa mio allievo

  • Nessuna scadenza;
  • Contatto diretto per risolvere ogni dubbio;
  • Aggiornamenti e nuove lezioni inclusi a vita.

Oggi parliamo di uno dei metodi più importanti per la tecnica del tamburo, lo Stick Control!

Questo metodo, scritto da George Lawrence Stone negli anni ‘40, è uno dei libri più utilizzati in assoluto.

Come dice il titolo serve proprio per acquisire un maggiore controllo e una maggiore padronanza della tecnica batteristica. Oggi vi mostro come lo studio!

Le prime tre pagine sono esercizi tutti uguali a ottavi, ma con tantissime diteggiature diverse.

Per prima cosa suono sempre metà pagina a settimana. La prima colonna di esercizi la puoi trovare nel PDF gratuito che puoi scaricare cliccando qui

Quanto suonarlo? Quello che il libro consiglia è di suonare per venti volte ogni esercizio prima di passare a quello successivo. Il secondo, invece, è il metodo di Dom Famularo, che dice di suonare ogni esercizio per un minuto. Io tendo a predilire il secondo, per poter mantenere sempre costante il tempo di pratica giornaliero.

Come suonarlo? Anche qui ci sono svariati modi ma quelli che uso solitamente sono due. Il primo è il free stroke, partendo da un’angolazione della bacchetta di 90° (cioè perpendicolare al pad) colpiamo e torniamo immediatamente nella posizione iniziale.

Salendo di velocità non è più possibile arrivare alla posizione iniziale del full stroke, quindi passiamo all’ half stroke, quindi con un angolazione minore della bacchetta (circa 45°.

Il secondo metodo è quello invece di suonare molto molto piano, con le bacchette a circa a 1,5 cm dal pad. Questo ci serve per acquisire il completo controllo di quello che stiamo suonando e della nostra tecnica.

Ricordate di non aumentare mai troppo la velocità e di non “chiedere troppo” ai vostri muscoli. Il modo corretto per lavorare sulla tecnica è quello di suonare sempre rilassati. I muscoli devono un po’ affaticarsi, ma senza farsi del male.